16 luglio 2008

Io...

Ci penso spesso, a tutto ciò che sono.
Una figlia spendacciona. Una sorellina capricciosa. Una fidanzata innamorata. Una collega chiaccherona. Una nipote affettuosa e preoccupata. Un'ex-amica traditrice. Una cugina quasi sorella. Un'ex-coinquilina efficientissima. Una vicina di casa disponibile. Una sportiva anti-sportiva. Una cliente da spennare. Un'estimatrice del pollo al curry. Una lettrice insaziabile. Una cantante stonatissima. Un'amica che fa fatica ad aprirsi. Una modesta cuoca seriale di muffins. Un'ex-compagna di università nostalgica. Un'emicranica inguaribile...

E sono Arianna.
A volte quasi me ne dimentico, talmente sono presa dall'essere questo e quello. Ci sono dei momenti, intensissimi, in cui sono Arianna e basta. Quando sono in macchina e guido cantando a squarciagola. Quando sul treno guardo fuori dal finestrino e mi perdo nei miei pensieri. Quando mi addormento vicino a Luca dopo una serata passata insieme. Quando innaffio il giardino, con le formiche che mi salgono su per la gamba. Quando la mattina rimango addormentata e devo fare tutto di corsa. Quando sono in coda alle poste. Quando verso mezzanotte vado in cucina per mangiarmi una crostatina al cioccolato. Quando litigo col phon e cerco di dare ai miei capelli una semplicissima piega. Quando mi mangio un hotdog, seduta su una panchina, con addosso un'improbabile cerata per proteggermi dalla pioggia.

11 commenti:

  1. Si,è proprio questa la persona che ho accanto e il ritratto che ti sei fatta è impeccabile. Sai che è proprio questo tuo modo di essere che ti rende speciale davanti ai miei occhi. Ho sempre visto questi tuoi aspetti e ne sono rimasto sempre colpito. in fondo siamo molto simili sotto molti aspetti e forse è per questo che andiamo d'accordo. Rileggendo il tuo post, mi rendo conto di quanto sono fortunato a stare con una persona che da ancora tanta importanza alle piccole cose della vita, che si ricorda ogni singolo dettaglio dei momenti belli e soprattutto che è ancora capace di essere una sognatrice. Bel post, sei la mia tofina!

    RispondiElimina
  2. scusa le ripetizioni, ma dopo una giornata di studio anche io perdo qualche colpo e poi come ben sai l'italiano non è proprio la mia materia visto il tuo aiuto in merito..

    RispondiElimina
  3. bel post davvero Arianna..semplice e sincero.

    RispondiElimina
  4. A volte l'essere noi si perde nel caos quotidiano, nelle mille incombenze dietro le mille persone che ci circondano. Sonnecchia e sta lì. E' per questo che a volte amo stare da sola. Proprio da sola. Sto bene a stare in mia compagnia :-)

    RispondiElimina
  5. a parte tutte le cose che sei, il post mi è proprio piaciuto, ma io .....subito, subito mi sono innamorato di quella cerata!!!
    la voglio anch'ioooooooooooo

    RispondiElimina
  6. Beh complimenti per la tua descrizione originale ma efficace!

    RispondiElimina
  7. Ariii: la cerata!!! Stupenda e la foto mi fa morire! Ne approfitto x mandarti un bacione visto che giovedì parto, torno il 4. ci sentiamo presto

    RispondiElimina
  8. bhe la descrizione non mi sembra proprio corretta: direi un' ottima cuoca seriale di muffin

    RispondiElimina
  9. @2+2=5 sei il mio amore e sono io quella fortunata ad aver trovato qualcuno che mi apprezzi veramente, mi fai sentire capita. E non è poco.
    @airbag: grazie, cerco di esserlo sempre...almeno quando scrivo ;)
    @dea: anche io adoro la solitudine, credo che sia proprio questione di DNA. Ci sono persone che ne hanno il terrore, io invece, presa a piccole dosi, la trovo rassicurante.
    @estimatori della mia cerata: acquistata da H&M in supersconto. L'ho portata a casa per ben 7,99 euri, contro i 29,99 che costava!
    @Noemi: buone vacanze amica! Ad agosto dobbiamo vederci assolutamente!
    @joey_cape: buongustaio! Doppia razione di muffins per te al prossimo pic-nic!

    RispondiElimina

© Moonrise Kingdom, AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena