10 maggio 2008

Incontri ravvicinati...

Nello spogliatoio della piscina, qualche giorno fa, mi stavo cambiando e non ho potuto fare a meno di ascoltare un interessante dialogo tra due bambine, un'ottenne e una decenne. L'hanno specificato loro. Una ha chiesto all'altra quanti anni avesse, e alla risposta "Dieci", la prima ribatte "Davvero? Io ne ho otto e credevo che tu fossi più piccola...Te li porti bene!". Va beh... Il discorso si sposta sui capelli, e la ottenne la sa lunga: "Non tenere il phon così vicino, ti si sfibrano e ti vengono le doppie punte, poi ti tocca spuntarli." Ma la più grande non vuole passare per quella inesperta, così la butta lì: "Si, un pò come mia mamma quando aveva le treccine: dopo che le ha tolte i capelli erano disadrati e ha dovuto tagliarli". Ma purtroppo l'ottenne è davvero troppo avanti: "Io l'estate scorsa mi sono fatta le extension". La conversazione è finita e qualcuno ha perso un'amica... Tentata dal chiederle cosa potessi fare per i miei capelli crespi e che non tengono la piega, l'idea che potesse chiedermi quanti anni avevo e la sua conseguente grossa risata, mi hanno fatta desistere. Attendo con ansia mercoledì prossimo, con la speranza che la seconda puntata di "Bellezza e dintorni" abbia come argomento rimedi miracolosi per la cellulite o una lezione di trucco.
Oggi, nei camerini dell'Oviesse, ho nuovamente e involontariamente ascoltato una conversazione madre-figlia. Breve e concisa: "Chiara, ci sono i pantaloni al ginocchio uguali a quelli di Marissa" dice la madre con lo stesso entusiasmo che ci metterei io nel dire "Saldi" di fronte alla vetrina di Louis Vuitton, che come noto non fa mai i saldi. E Chiara risponde "Marissa Marissa? Portameli che me li provo!". (Come se Marissa poi fosse il nome più comune del mondo da dover chiedere conferm...). Ora, io so chi è Marissa. Nel 2003 ero una ventenne che come tante è cresciuta con Brenda e Kelly prima, e Joey e Jen dopo; per cui era praticamente impossibile che io non mi interessassi anche solo minimamente a Marissa e Summer. Loro, inoltre, a differenza delle prime due vivono nel ventunesimo secolo e hanno quindi abbandonato le camicie di flanella e gli anfibi con il calzino bianco che spunta fuori alla Axel Rose, privilegiando shorts, top scollati e collane di Chanel; loro, inoltre, a differenza delle due di Dawson's Creek, dicono parolacce, bevono, vanno alle feste e si fanno svariati ragazzi. Quindi è ovvio che anche Chiara le conosca e che magari voglia i pantaloni uguali a quelli di Marissa. Ma quello che mi turba è il perchè la conosca la mamma di Chiara, una signora sulla quarantina che abbina scarpe di vernice fuxia ad una collana di perle di plastica dello stesso colore, che si è fatta talmente tante lampade da dover usare un rossetto bianco per far vedere che ha ancora delle labbra, che ha delle meches mal riuscite sui capelli, da sembrare reduce da una gara di uova rotte in testa piuttosto che da una seduta dal parrucchiere, che mastica la cicca come si insegna ai bambini che non si deve fare così da evitare l'effetto mucca ruminante vagamente da maleducati... Forse, in effetti, mi sono già risposta da sola.



16 commenti:

  1. Magari le mamme sognano un look alla Julie Cooper (prima maniera...)!!
    Grazie del giretto da me e dei complimenti!

    RispondiElimina
  2. Mi hai ricordato mia cugina, Diana.
    Quando aveva 10 anni (due anni fa), mi si è avvicinata e mi ha fatto "Mamma mia, che capelli secchi hai".
    Ecco, "secchi" era un eufemismo. Perché li avevo da donna di colore, causa permanente selvaggia di un parrucchiere che, guarda caso, si chiamava proprio Selvaggio di nome. E cmq l'ho odiata.

    RispondiElimina
  3. Sì ti sei risposta da sola... Hai scritto un post degno di pubblicazione perciò, faccio un commento da corriere della sera "Una simpaticissima e eccellente ricostruzione di un quadro agghiacciante dei tempi moderni"... Ciao origliona dai capelli crespi

    RispondiElimina
  4. ma che acuta osservatrice, nonchè ascoltatrice! D'ora in poi quando sarò in giro starò attento a quello che dico, sapendo che in giro ci può essere gente con le orecchie lunghe.. ;)

    RispondiElimina
  5. Non so prorpio cosa dire sull'argomento del post forse è perchè e meglio non dire niente...

    Comunque voglio farti i complimenti perchè non riesco a capire come in pochi attimi hai analizzatato mamma e figlia e soprattutto sei riuscita a riportare il tutto fedelmente nel blog! hai davvero una bella dote!

    RispondiElimina
  6. *vale210975*: grazie a te!
    *deaexmachina*: queste nuove generazioni sono a dir poco disarmanti...e decisamente odiose!! Grazie per essere passata.
    *ganassa*: degno di pubblicazione mi sembra moooolto eccessivo...però ti ringrazio!
    *alessandro*: non so perchè ma sapevo che avresti trovato il modo per farmi passare per una ficcanaso!! Ma d'altronde che altro puoi fare nel tuo piccolo camerino della piscina/oviesse??
    *jacksilver*: grazie ma non so se è una dote! Sono solo una buona osservatrice: mi piace con un colpo d'occhio riuscire a cogliere tutti i particolari, essere attenta in ogni occasione...

    RispondiElimina
  7. Scusa tanto ho riletto il tuo post 2 volte: nn riesco a capire se ti stupisci di questa realtà che vivi, se ti da fastidio vedere la gente lampadata e quantto ci trovi di male nella vita ce gli altri decidono per se' oppure il fatto che una bimba sappia alla sua età che l'asciugacapelli sfibri i capelli...20 fa si guardava Lamù e Hallo Spank la differenza secondo me sta qui...ma nn riesco a capire e pensare perché questo tipo di realtà dovrebbe essere peggiore della mia...
    Ma forse dovrei rileggermi il post e capire...
    ma qui nei commenti sono tutti d'accordo con te e forse...

    RispondiElimina
  8. Si, mi stupisco della realtà in cui vivo; mi chiedo come possa non stupirtene tu.
    No, non mi dà fastidio la gente lampadata e non capisco cosa centri poi "la vita che gli altri decidono per se'". Ho descritto semplicemente una scena a cui ho assistito, dando la mia personale opinione. Ma se vogliamo fare gli ipocriti e dire "no,io non giudico mai", allora facciamolo. Anzi, lo lascio fare a te. Io continuo per la mia strada.
    E se non riesci a capire che differenza c'è nella realtà della bambina che guardava Hello Spank e di quella che oggi invece guarda Marissa, allora non so proprio cosa dirti...

    RispondiElimina
  9. nn davvero nn si riesce a capire tranne solo per il fatto che tu sei contro una e a favore di un'altra....bella novità: chi nn giudica è un ipocrita....(perché dovrebbe farlo forse?)

    RispondiElimina
  10. Non è ipocrita chi non giudica, ma chi dice di non farlo.
    E, guarda un pò, tu biasimandomi perchè io giudico ciò che ho visto...mi stai giudicando!
    Comunque si, io sono contro una e a favore di un'altra...e forse a questo punto sei tu che ci trovi qualcosa di male nella vita che io ho deciso per me. Il mondo è fatto di persone con opinioni diverse, per fortuna. E io ai miei figli farò vedere Hello Spank, tu ai tuoi liberissimo di far vedere tutto quello che ti pare!

    RispondiElimina
  11. che brava....ti ho chiesto solo perché ti stupisci...ma tu con un bel gioco di parole dici che ti giudico e ti biasimo solo per un perché....meno male che è tutto scritto....
    "non è ipocrita chi nn giudica, ma chi dice di nn farlo"
    Quasi un assioma che mette in dubbio il principio di chi ha deciso di nn giudicare la vita degli altri.
    E' il tuo blog poui scrivere quello che vuoi...un parere contro il tuo per come la vedo significa dire: si accettano solo commenti coerenti e accomodanti al mio post.
    (se ci fai caso sfogliando il tuo e un campione di una dozzina è sempre così)
    Sono tutti d'accordo con tutti

    RispondiElimina
  12. No, non mi hai chiesto solo perchè mi stupisco. Ti dà fastidio il fatto che io possa esprimere un giudizio che è evidentemente diverso dal tuo (quindi per quanto tu possa considerarlo più giusto, o corretto, rimane comunque un giudizio).
    Il fatto che io risponda a quello che tu scrivi vuol dire che io non accetto commenti non coerenti o accomodanti col mio? Io ribadisco semplicemente la mia posizione, e la mia visione delle cose. E mi metto in gioco, perchè qui può venire a commentare chi vuole. Sarei curiosa di leggere il tuo di blog, ma evidentemente tu ti diverti di più ad andare in giro a commentare quello degli altri.

    RispondiElimina
  13. Marisso e chiudo22 maggio 2008 16:59

    poi fammi sapere dove ho scritto che mi da fastidio il tuo giudizio...ho solo chiesto perché ti stupisci...posso scegliere di nn lampadarmi ma solo per me stesso..nn è ne giusto ne sbagliato non ho scritto nulla di tutto questo...mi sembrano tue supposizioni perché io nn ho espresso giudizi: Scrivere che c'è una differenza di stili di vita è una Considerazione nn un giudizio.
    Nn ho il tempo di gestire un blog e se il requisito necessario per commentare su quello di altri è di averne uno basta scriverlo. Nn posso soddisfare la tua curiosità mi dispiace. NN puoi venire a giudicare il blog che nn ho.
    Tu ti stupisci della realtà in cui vivi......ma hai la possbilità di viaggiare per altre realtà diverse da questa ? Se si allora hai il presupposto per paragonare....e se si cmq fammi sapere con quale congegno ti teletrasporti in un'altra realtà perché sarebbe interessante

    RispondiElimina
  14. Non mi sembra di aver scritto che devi avere un blog per commentare su quello degli altri, e comunque il tempo di venire qui ce l'hai. Appena ne avrai uno tuo però passa a comunicarmelo che non vedo l'ora di darti il mio giudizio.
    Per quanto riguarda le realtà diverse, forse abbiamo una concezione differente di questo concetto... Non c'è bisogno di viaggiare nel tempo, nello spazio e del teletrasporto, la vita è fatta costantemente di realtà diverse tra loro. Noi due ne siamo la dimostrazione.
    E spero quindi di averti dimostrato che non si accettano solo commenti accondiscendenti.

    RispondiElimina
  15. Io questo Marisso non lo capisco. Arriva qui dicendo di non giudicare e giudica quello che scrivi sul tuo blog... dice di non avere tempo per curarne uno ed è stato 3 giorni al pc per risponderti?! Forse deve riordinarsi un pò le idee..

    RispondiElimina
  16. la mia preoccupazione è ancora maggiore.. ho sentito fare un discorso simile (sulle doppie punte o qualcosa del genere)a due bambini

    RispondiElimina

© Moonrise Kingdom, AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena